Erezione maschile: durata media e rimedi per mantenerla più a lungo in caso di difficoltà

L’erezione maschile ha una durata media di 20 minuti negli uomini tra i 30 anni e i 40 anni, ma che possono aumentare a 30 minuti includendo i preliminari. I ragazzi intorno ai 20 anni, se in buona forma fisica, posso mantenere l’erezione anche per una durata di 40-50 minuti o più.

In realtà non esiste un durata in minuti che si possa ritenere normale o valida per tutti, perché le dinamiche sessuali cambiano da coppia a coppia e con l’età. Ma numeri a parte, le vere domande da porsi sono queste:

“Si può migliorare la durata dell’erezione maschile?”,
“Quali sono i rimedi adatti se ho difficoltà a mantenere l’erezione a lungo durante i rapporti?”

A parte l’erezione con una durata da record degli attori porno, che è spesso facilitata dai farmaci e dai “trucchi” in fase di montaggio dei filmati, e a parte il priapismo, che consiste in un’erezione involontaria di durata interminabile, molto dolorosa e che richiede il ricovero urgente in ospedale, molti uomini vorrebbero semplicemente avere una durata dell’erezione maggiore per poter fare sesso in modo più soddisfacente.

La durata dell’erezione maschile può essere limitata da 2 possibili disturbi sessuali:

  1. L’eiaculazione precoce, quando si ottiene l’orgasmo troppo in fretta, perde così l’erezione subito dopo l’orgasmo.
  2. La disfunzione erettile, ovvero la difficoltà a mantenere l’erezione a lungo per via di cause fisiche o psicologiche.

Vediamo quindi di scoprire come funziona l’erezione del pene, le possibili cause che limitano la sua durata, e infine come hanno fatto decine di migliaia di uomini ad avere sempre un’erezione molto duratura.

Come avviene l’erezione maschile?

Durante il rapporto sessuale con la partner, gli stimoli visivi, olfatti, tattili e mentali provocano l’eccitazione sessuale nel maschio. L’eccitazione è un fattore psicologico, emotivo e mentale che provoca nel cervello il rilascio di segnali bio-elettrici e neuronali diretti alla zona genitale.

In questa zona l’eccitazione mentale provoca, a sua volta, il rilassamento della muscolatura liscia nei 2 corpi cavernosi che compongono l’asta del pene. In questo modo l’afflusso sanguigno entra nei corpi cavernosi (molto simili a spugne) e li fa gonfiare di sangue rendendo il pene eretto e duro.

Cos’è che fa mantenere l’erezione a lungo e ne aumenta la durata?

Essere in buone condizioni di salute fisica e avere un buon afflusso di sangue è sicuramente indispensabile, così come lo è l’avere buon livelli di testosterone (è un ormone prodotto dalle ghiandole di Leydig situate nei testicoli). Non solo per mantenere a lungo l’erezione, ma anche per poter fare sesso a lungo dato che si tratta di una attività fisica impegnativa per l’uomo.

Tuttavia, ciò che più di ogni altra cosa fa aumentare la durata dell’erezione maschile è la presenza continua di stimoli eccitanti durante il rapporto. Detto in altre parole, è la capacità del maschio di sentirsi fortemente e continuamente eccitato durante la durata di tutto il rapporto sessuale.

L’eccitazione mentale è la variabile più importante che spinge il sangue nel pene per ottenere e mantenere l’erezione. Nota bene: più forte e continua sarà l’eccitazione, più duratura sarà la durata dell’erezione.

Cosa limita la durata dell’erezione?

La durata dell’erezione può essere limitata da fattori organici (problemi fisici), o molto più spesso da fattori mentali che molti uomini sottovalutano erroneamente.

Problemi vascolari e circolatori, ipertensione e ipotensione, scompensi cardiaci, tabagismo, alcolismo, uso di stupefacenti, uso di ansiolitici o antidepressivi e molte altre patologie possono essere causa organica di impotenza maschile totale, ovvero mancanza totale di erezione o difficoltà a mantenere l’erezione a lungo durante il rapporto.

Molto spesso, però, gli uomini mi dicono di avere una scarsa durata dell’erezione solo durante i rapporti di coppia ma non durante la masturbazione solitaria. Oppure di avere qualche difficoltà di durata solo con una precisa partner ma non con un altra (quella che viene chiamata disfunzione erettile situazionale).

In questi, e in molti altri casi, la durata dell’erezione viene limitata da fattori psicologici ed emotivi durante il rapporto con la partner. Cause psicologiche che limitano la durata dell’erezione possono essere infatti:

  • l’ansia da prestazione sessuale, ovvero il timore di non sapere soddisfare la partner;
  • la bassa autostima e l’insicurezza sessuale;
  • tensione dovuta alla paura durante il rapporto di essere confrontato con qualche ex della partner e di perdere il confronto;
  • le prestazioni e la durata degli attori porno prese come metro di paragone o come modello da emulare;
  • la preoccupazione stessa durante il rapporto di non riuscire a mantenere l’erezione a lungo.

Nota bene: quest’ultima elencata è molto spesso la causa principale di erezioni di breve durata e difficoltà erettive, perché la preoccupazione è una forma di tensione e ansia che impedisce alla mente del maschio di essere continuamente eccitata.

Venendo a mancare una costante e forte eccitazione mentale, viene in seguito a mancare una costante spinta di sangue nei corpi cavernosi del pene e quindi la durata stessa dell’erezione viene così limitata.

Questo è il problema principale di moltissimi uomini, e tanti anni fa era anche uno dei miei problemi finché non ho capito cosa fare.

Migliorare la durata dell’erezione maschile con i farmaci

I farmaci per la disfunzione erettile sono una soluzione solo in pochi casi, mentre in molti altri possono rivelarsi inutili e arrecare addirittura insospettabili problemi.

Viagra, Cialis Levitra e Spedra fanno parte della categoria degli inibitori delle fosfodiesterasi PDE5. Le fosfodiesterasi sono particolari enzimi che, negli uomini più anziani, possono fare degradare velocemente l’ossido nitrico e impedire il rilassamento della muscolatura liscia intracavernosa del pene.

Questi farmaci si presentano in pillole di differente dosaggio, da prendere prima di ogni rapporto sessuale. Agiscono dopo 30-60 minuti circa, ma non portano il pene in erezione. Ora preciso meglio ciò che ho appena scritto…

Molti uomini credono che questi farmaci provochino l’erezione del pene, a causa di quello che scrivono in modo ingannevole tante “farmacie online” dove è possibile acquistarli senza ricetta medica.

In realtà il farmaco serve solo per inibire e bloccare per alcune ore l’enzima fosfodiesterasi, che impedisce il regolare scorrimento del sangue nel pene. Ma ci sono alcune precisazioni importanti da fare riguardo questi rimedi:

  • Non provocano l’erezione automatica e non garantiscono un aumento della durata dell’erezione maschile.
  • Se a letto con la partner l’uomo si sente insicuro o preoccupato di non riuscire a mantenere a lungo l’erezione, non la può ottenere in nessun modo neanche con i farmaci, perché la preoccupazione impedisce una costante eccitazione mentale.
  • Non si tratta di una cura definitiva perché bisogna prenderli a vita prima di ogni rapporto, il che rappresenta anche un costo notevole.
  • Possono dar luogo a effetti collaterali spiacevoli durante il rapporto.
  • Possono interagire male con l’assunzione di altri farmaci, alcool e stupefacenti.
  • Sono controindicati nel caso di alcune patologie particolari (chiedere sempre il parere medico dell’urologo o andrologo prima di assumerli).
  • Nel caso delle pillole per l’erezione senza ricetta, vendute su parecchi siti web, si tratta unicamente di copie illegali prodotte in paesi del terso mondo dove non esistono rigorosi controlli sulla qualità. Possono contenere sostanze tossiche non dichiarate e vengono spesso sequestrate dalla vendita dal carabinieri del N.A.S.
  • Prendere queste pillole senza averne una reale necessità, cosa molto in voga tra i più giovani, conduce a una dipendenza psicologica verso le pillole. In pratica non si riesce ad affrontare l’idea di avere rapporti, senza aver preso prima una pillola. L’autostima sessuale e la sicurezza interiore calano drasticamente e si iniziano ad avere gravi problemi di erezione di natura psicologica.

Rimedi naturali per un’erezione duratura

Viagra naturale è il nome che viene dato a tutti quei rimedi naturali, prodotti da erboristeria e integratori per l’erezione, alternativi ai farmaci.

Per un approfondimento ti rimando a un articolo che ho scritto in passato sui rimedi naturali per i problemi di erezione.

Ad ogni modo, ma per dirla in breve:

  • Questi prodotti non hanno nessuna reale efficacia nel migliorare la durata dell’erezione.
  • I pochi test effettuati sui rimedi naturali sono sponsorizzati dalle stesse aziende che li producono e di fatto non sono studi attendibili e veritieri.
  • Test indipendenti e non sponsorizzati hanno dimostrato più volte la mancanza di efficacia per i problemi erettivi.
  • Anche se sono di origine naturale, essi possono provocare effetti collaterali più gravi di quelli dei farmaci per la disfunzione erettile (la Yohimbina risulta essere particolarmente pericolosa).
  • Dai controlli dei carabinieri del N.A.S e di Altro Consumo sui rimedi naturali, sono spesso emerse sostanze farmacologiche o tossiche non dichiarate in etichetta.

Come mantenere l’erezione più a lungo e migliorare la durata senza pillole?

Per migliorare l’erezione maschile in durata bisogna prima di tutto evitare tutto quello che potrebbe limitare il meccanismo psico-fisico dell’erezione, e poi potenziare i fattori fisici e sopratutto mentali che aiutano a mantenere l’erezione a lungo mentre si fa sesso con la partner.

Ecco di seguito i rimedi e le tecniche per una maggiore durata:

1) Evita di ostruire la circolazione sanguigna mangiando cibi ricchi di zucchero, o ricchi di sale, cibi industriali e snack ricchi di grassi idrogenati.

2) Non eccedere con il consumo di farinacei ricchi di glutine come il pane, la pasta, le focacce e la pizza, ma alternali ad altri cereali anche integrali.

3) Bilancia il consumo di carboidrati con la giusta quantità di proteine e grassi sani, perché l’eccesso di carboidrati (ad esempio la troppa pasta) porta al sovrappeso e a scompensi vascolari che limitano la durata dell’erezione.

4) Limita il consumo di salumi e carni insaccate ricche di sale e conservarti e cerca di preferire carni fresche, pesce e uova nella tua alimentazione.

5) Bevi almeno un litro e mezzo di acqua ogni giorno e includi sempre frutta e verdure fresche, per ricevere vitamine utili nel migliorare la fluidificazione e la circolazione del sangue.

6) Consuma ogni giorno frutti oleosi ricchi di vitamina E, B e acidi grassi omega 3 come le noci, le nocciole e le mandorle per migliorare la circolazione del sangue.

7) Se fumi devi cercare di smettere, perché questo vizio porta a ostruisce le vene e crea scompensi cardio-respiratori che danno luogo a difficoltà a mantenere l’erezione a lungo. Se non riesci a smettere, cerca almeno di fumarne poche sigarette e fare sport per compensare. Inoltre prendi un integratore di vitamina C per migliorare l’ossigenazione del sangue.

8) L’abuso di alcool crea problemi di erezione e bere alcolici prima di un rapporto può diminuire la durata dell’erezione maschile, perché intorbidisce la mente facendo diminuire l’eccitazione psicologica che dovrebbe far mantenere l’erezione a lungo.

9) Evita del tutto la sedentarietà perché è tra le cause maggiori di disfunzione erettile ed erezioni di breve durata. Dopo i 30 anni di età l’organismo produce meno testosterone e la sedentarietà fa calare drasticamente i livelli del testosterone, il quale è un ormone che ha molta importanza per il desiderio sessuale, l’eccitabilità, e la sicurezza interiore.

10) Aumenta il tuo testosterone facendo attività fisica con costanza. Non esistono pillole o integratori realmente utili nell’aumentare la produzione di testosterone da parte dell’organismo. Il solo rimedio realmente utile per aumentare il testosterone è l’attività fisica anaerobica, basata su sforzi di breve durata e alta intensità. Il tutto andrà a vantaggio del desiderio sessuale, dell’eccitabilità, della sicurezza interiore durante i rapporti e della durata dell’erezione. Inoltre aiuta a bruciare i grassi, mettere muscoli, potenziare l’apparato cardiaco e circolatorio generale.

11) Elimina la preoccupazione di perdere l’erezione durante i rapporti, perché questa preoccupazione stessa limita fortemente l’eccitazione mentale e impedisce di avere un’erezione duratura. Alcune tecniche mentali sono molto utili per riuscire a vivere i rapporti sessuali con estrema sicurezza interiore (elevata autostima sessuale), e assenza totale di preoccupazioni che limitano la durata.

12) Potenzia la tua eccitabilità mentale e la capacità di essere fortemente eccitato a lungo, durante il sesso, utilizzando le tecniche mentali per l’erezione. Aumentare l’eccitabilità mentale e la capacità di rimanere eccitato molto a lungo è il segreto più importante di tutti per avere sempre un’erezione duratura.

Piuttosto che cercare informazioni a caso e non sapere bene come metterle in pratica, potresti utilizzare un metodo completo sia di tecniche fisiche che di tecniche mentali, già utilizzato con successo da decine di migliaia di uomini.

Con le tecniche fisiche potrai migliorare la circolazione sanguigna nel pene e i livelli del testosterone. Mentre con le tecniche mentali potrai evitare di essere insicuro o preoccupato, durante il rapporto sessuale, oltre ad avere una costante e prolungata eccitazione mentale che ti aiuterà moltissimo ad aumentare la durata dell’erezione in modo naturale.