I rimedi per i problemi di erezione: cosa fare e cosa NON fare?

I rimedi per i problemi di erezione: cosa fare e cosa NON fare?

Problemi di erezione rimedi. L’impotenza maschile durante i rapporti sessuali è oggi sempre più diffusa rispetto al passato, e questo è confermato da numerose statistiche.

Se nel passato era più che altro un problema legato alla terza età (o perlomeno così si supponeva), oggigiorno è un problema che capita a qualunque età. Possono presentarsi problemi erettivi a 60- 70 anni, così come a 18-20 anni durante le prime esperienze sessuali.

Questi problemi erettivi oggi vengono chiamati anche “disfunzione erettile”, o a volte “deficit erettile” oppure “deficit erettivo”, e questi termini sostituiscono oggigiorno quella che una volta veniva chiama “impotenza”.

I rimedi per i problemi di erezione: cosa fare e cosa NON fare?

Solitamente, ma non sempre, al presentarsi di una disfunzione erettile durante il rapporto sessuale si va subito in cerca di rimedi per tali problemi di erezione.

Oggi la tendenza è quella di andare sui motori di ricerca e digitare “problemi di erezione rimedi” per avviare la ricerca, al fine di evitare l’imbarazzo di parlarne con qualcuno o col proprio medico di fiducia.

Questa ricerca sul web di rimedi per il deficit erettivo può portare a scelte errate, o a peggiorare la situazione, se prima non si comprende il funzionamento del meccanismo erettivo ed il perché o le cause di tali problemi di erezione.

Infatti prima di analizzare quali sono i rimedi da non adottare assolutamente e quali sono invece i possibili rimedi da adottare per la disfunzione erettiva, dobbiamo capire come funziona e come si innesca il meccanismo erettivo durante il rapporto sessuale.

La prima cosa da comprendere è che l’erezione non avviene in modo automatico senza cause. Non è sufficiente trovarsi in un contesto erotico, in compagnia della propria partner sessuale, perché avvenga un’erezione del pene.

L’erezione ha il suo “avvio” nei meandri della nostra mente quando ci si trova in uno stato di eccitazione mentale pura, ovvero senza timori di fallire, ansia o ansia da prestazione sessuale e blocchi mentali di vario genere.

Se lo stato della nostra mente si trova in uno stato di eccitazione sessuale, il cervello invia segnali alla zona genitale di far partire un afflusso di sangue fluidificato verso i corpi cavernosi del pene.

In questo modo i corpi cavernosi del pene iniziano a trattenere sangue al suo interno e a far gonfiare il pene come se fosse un palloncino, fino a portarlo alla completa erezione.

Se durante il rapporto sessuale la mente rimane in uno stato di eccitazione, il pene mantiene la sua erezione per tutta la durata del rapporto. Questo è quello che avviene in condizioni ottimali.

- Problemi di erezione rimedi: ecco perchè sorgono i problemi.

I problemi di erezione durante i rapporti possono sorgere essenzialmente per due motivi:

  • a causa di problemi o blocchi psicologici e mentali
  • a causa di problemi fisico-organici

Il primo caso è quello, ad esempio, dell’ansia da prestazione sessuale. Uno stato di ansia può inibire o impedire del tutto il sorgere dell’eccitazione mentale (anche se inizialmente desideriamo ardentemente di avere un rapporto sessuale con la partner).

Mancando una forte eccitazione mentale non si può avviare il meccanismo di afflusso di sangue al pene, e la conseguenza è la mancata erezione, la perdita di erezione durante il rapporto, la delusione e la conseguente ricerca di rimedi per i problemi di erezione.

Il secondo caso è quello, ad esempio, di problemi di salute che influiscono negativamente sull’afflusso di sangue al pene anche in presenza di una forte eccitazione mentale.

Problemi cardiaci, difficoltà respiratorie, diabete, obesità, fumo, difficoltà digestive, prostatiti, interazione con alcuni farmaci (in modo particolare antidepressivi e ansiolitici), inattività prolungata  dell’apparato genitale stesso, queste sono fra le cause organiche più diffuse dei problemi di erezione.

- Problemi di erezione e rimedi da non adottare.

Se non si comprende la vera causa del proprio problema di erezione, si finisce col fare scelte sbagliate che possono rivelarsi più dannose che non risolutive. Sempre più uomini dinanzi tali disfunzioni provano i più disparati rimedi reperibili sul web.

Fra questi vi sono i famosi, ma non altrettanto efficaci né tantomeno innocui, farmaci per la disfunzione erettile come: il Viagra, il Cialis, e il Levitra. Oppure rimedi non farmacologici come

  • integratori alimentari in pillole o compresse come lo zinco, arginina, aminoacidi, vitamine, ossido nitrico, DHEA, Biovis
  • estratti di erbe o radici come il Ginkgo Biloba, ginseng (bianco, rosso, indiano, coreano, peruviano, cinese eccetera), eleuterococco, Maca, Catuaba, la radice di Suma, Yohimbina, Tribulus Terrestris, Withamnia Somnifera, eccetera
  • olii, creme o pomate da spalmare sul pene prima del rapporto (vengono dichiarati come naturali al 100%, ma la lista degli ingredienti non è sempre chiara e non permette di capire facilmente se vi siano inclusi al loro interno anche composti chimici o farmacologici)

Riguardo l’efficacia di tali rimedi naturali per i problemi di erezione, nella stragrande maggioranza dei casi possono essere del tutto inutili o addirittura peggiorare la situazione erettiva.

- Problemi di erezione e rimedi da adottare.

Il primissimo rimedio da adottare quando si hanno problemi di erezione durante il rapporto sessuale è, per quanto possa sembrare banale, quello di non andare in panico per nulla!

Molti uomini, sopratutto se molto giovani, vedono erroneamente il proprio deficit erettivo come un fallimento di proporzioni inaudite e vivono la cosa come se fosse la peggiore tragedia della loro vita o di questo mondo.

Ricevo spesso email da parte di ragazzi tra i 20 e i 30 anni che dicono “avrei voluto morire”, “mi sentivo morire dentro”, “sono disperato, non so più cosa fare, la mia vita non ha più senso”, eccetera.

Il senso di paura dinanzi questo comune problema sessuale può solo aumentare l’ansia e la tensione durante i rapporti sessuali successivi, e la conseguenza non potrà che essere quella di ulteriori problemi di erezione.

Un buon rimedio, anche se molto giovani e in piena salute, è quello di vincere il proprio imbarazzo e parlarne col proprio medico di base.

In questo modo, tramite la visita medica, si potrà appurare se la causa della disfunzione erettile è momentanea e provocata da ansia da prestazione o da qualche piccolo blocco mentale, oppure se è di natura organica e provocata da problemi fisici più gravi che non si sospettava di avere (come ad esempio le difficoltà cardio-vascolari nei fumatori).

Se poi la soluzione proposta dai medici non ci soddisfa o non convince (quasi sempre e subito i famosi farmaci per i problemi di erezione), occorre allora trovare una valida alternativa come rimedio al problema di erezione, specie se la natura del problema è di tipo mentale (ansia, ansia da prestazione, paura di riavere problemi erettivi, eccetera).

In casi come questi, farmaci o surrogati più “naturali”, ma pur sempre in pillola, non possono nulla e non si rivelano ottimi rimedi ai problemi di erezione. Il rimedio migliore è quello di affrontare la questione con l’aiuto di un valido terapeuta per eliminare le cause dell’ansia o dei blocchi mentali.

Oppure quello di utilizzare un valido metodo per acquisire una solida sicurezza interiore durante i rapporti sessuali, e per migliorare e potenziare l’eccitabilità mentale tramite opportuni esercizi da poter svolgere comodamente in casa propria, senza doversi confrontare con psicologi e terapeuti.

I rimedi per i problemi di erezione: cosa fare e cosa NON fare?