Come funziona l’erezione del pene?

erezione del pene
L’erezione del pene è un fenomeno di tipo psico-fisico, nel senso che coinvolge sia una componente mentale (psicologica) che una organica (fisica). Per poter avere rapporti sessuali è necessario che il pene dell’uomo vada in erezione, e che questa erezione sia sufficientemente duratura da poter condurre il rapporto sessuale in modo soddisfacente, ma purtroppo questo non avviene sempre a causa dei problemi di erezione (chiamati anche col temine di disfunzione erettile o impotenza sessuale maschile).

La difficoltà erettiva durante i rapporti con la partner è un problema estremamente diffuso e, anche se molte persone pensano erroneamente che sia un problemino da “vecchietti” in terza età, quello dell’impotenza è invece un problema diffuso anche tra i giovanissimi. Tanto a 20 anni quanto a 60-70 anni.

Di solito quando ci si trova dinnanzi a problemi di erezione del pene si ha la tendenza ad allarmarsi esageratamente e spesso a pensare di avere un qualche problema fisico grave, ma non è sempre così e tra poco scoprirai perchè.

Un’altra tendenza, quando l’erezione viene a mancare è quella di cercare subito una soluzione (il che è un bene e cosa giusta), ma senza capire prima come avviene l’erezione del pene e quali possano essere le reali cause della disfunzione erettile, anziché quelle immaginarie o catastrofiche che spesso sono suggerite dall’ansia mista a ignoranza (il che è male e cosa sbagliatissima!).

Pertanto, per affrontare i problemi di erezione e per trovare la soluzione specifica e più adatta al caso, è assolutamente necessario:

  • Conoscere cosa provoca e come avviene l’erezione del pene.
  • Conoscere le differenti e possibili tipologie di cause (se di tipo psicologico-mentale, oppure fisico-organico, oppure un insieme delle due).
  • Conoscere quali “soluzioni” evitare perché inefficaci, o il più delle volte persino dannose o pericolose per l’erezione.
  • Conoscere le soluzioni più adatte al caso e più logiche rispetto a presunti “rimedi miracolosi” per i problemi di erezione.

Detto questo, seguimi fino in fondo perchè tra poco scoprirai molte realtà riguardanti l’erezione del pene e i suoi problemi che, normalmente, non ci vengono dette ma che se tu conosci ti porteranno velocemente alla soluzione del problema.

banner erezione

Erezione del pene: quello che non ti hanno mai detto su come avviene l’erezione.

A noi uomini, fin dall’adolescenza, quando ci si confronta con i coetanei su tematiche riguardanti il sesso, ci viene detto che l’erezione del pene è un fenomeno per lo più automatico e meccanico, che davanti a una bella ragazza nuda il pene andrà “sicuramente” in erezione per il semplice fatto che “tu sei uomo e lei è nuda e attraente” e che la cosa non dipende in nessun modo da te, dalle tue emozioni o dal tuo stato mentale. Ma la verità NON è esattamente questa! Ti hanno mentito per ignoranza riguardo quest’argomento.

Come detto più sopra, l’erezione del pene è un fenomeno di tipo psico-fisico. Ma cosa significa esattamente che è un fenomeno psico-fisico ? Significa che per ottenerla, e anche per mantenerla tanto a lungo da poter concludere i rapporti sessuali in modo soddisfacente, deve entrare in azione sia la mente (psiche) che il corpo (fisico).

L’erezione del pene è la conseguenza di uno stato mentale chiamato eccitazione sessuale mentale, e questo stato psicologico provoca in un secondo momento un forte afflusso di sangue nei corpi cavernosi del pene (molto simili a normalissime spugne), in modo tale che queste “spugne” (i corpi cavernosi del pene) possano gonfiarsi di sangue come un palloncino, portando così il pene dallo stato flaccido a quello in completa erezione.

Detto in modo più semplice:

  • prima avviene l’eccitazione mentale
  • e solo dopo avviene l’afflusso di sangue al pene per mandarlo in erezione

Quindi l’erezione (l’afflusso di sangue al pene) NON è vero che avviene in modo automatico e autonomo per il semplice fatto di essere in un contesto sessuale con la partner e questo perché, come abbiamo visto poco fa, l’afflusso di sangue al pene avviene SOLO se prima ci si trova un uno stato di eccitazione sessuale mentale…e quest’ultima non è da dare del tutto per scontata.

Infatti, durante il rapporto sessuale, possono verificarsi degli stati mentali ed emotivi che non permettono l’afflusso di sangue al pene impedendo così di ottenere l’erezione, oppure provocandone la perdita durante la penetrazione (erezione di breve durata). Ma vediamo di capire quali possano essere le possibili cause dei problemi erettivi.

Cause impensabili dei problemi di erezione.

La disfunzione erettile può avere sostanzialmente due generi di cause:

  • le cause di tipo organico (volgarmente detto problema fisico)
  • le cause di tipo psicologico (volgarmente chiamati problemi mentali o blocchi mentali)

In alcuni casi il problema di erezione ha una causa di tipo organico legato direttamente all’apparato genitale stesso, ad esempio:

  • problemi di circolazione sanguigna localizzati nella zona genitale o dei corpi cavernosi del pene
  • infiammazioni alla prostata (prostatiti, cancro/tumore alla prostata)
  • problemi ai testicoli

Altre volte invece le cause di tipo organico non riguardano direttamente l’apparato genitale stesso ma sono localizzate altrove nel nostro corpo, però influiscono indirettamente e molto negativamente sui meccanismi necessari a provocare l’erezione. Alcune di queste possibili cause organiche possono essere:

  • scompensi cardiaci (anche di lieve entità)
  • problemi di circolazione generica del sangue
  • eccesso di grassi e colesterolo alto
  • eccesso di zuccheri e/o di carboidrati nell’alimentazione
  • obesità e sovrappeso
  • lesioni nell’area pelvica, all’apparato genitale, o alla spina dorsale (per esempio un’ernia del disco)
  • pressione sanguigna troppo alta o troppo bassa
  • nicotina, fumo, tabacco e problemi respiratori
  • eccessiva sedentarietà
  • alcune forme di diabete
  • problemi di insulina
  • bassi livelli di testosterone
  • alcune malattie come il mordo di Parkinson, la malattia di Peyronie, sclerosi multipla
  • uso o abuso di alcool o droghe (anche il THC contenuto nei cannabinoidi della marijuana e hashish)
  • interazione con alcuni farmaci (ad esempio: antistaminici, antidolorifici, farmaci per l’ipertensione, antidepressivi e altri ancora)

Il modo migliore per verificare se sono presenti una o più di queste cause NON è quello di farsi l’autodiagnosi da soli!

Il modo migliore è quello di recarsi dal proprio medico di base, spiegargli senza timori il problema di erezione in questione, e fare tutti gli esami che ti prescriverà e le eventuali visite mediche presso l’andrologo o urologo per ulteriori accertamenti.

Se il problema di erezione si presenta solo durante i rapporti sessuali con la partner, ma NON da soli durante la masturbazione o visionando materiale pornografico, non ti sorprendere se la risposta del tuo dottore sarà del tipo: “Sei a posto fisicamente, si tratta solo di un problema mentale.”

Infatti nella maggior parte dei casi (sopratutto al giorno d’oggi) la difficoltà di erezione avviene a causa di problematiche psicologiche e mentali (ma questo non significa che tu sia matto o mentalmente disturbato, perché il termine “problemi mentali” è una parola generica che circoscrive più cose).

Abbiamo visto prima che il meccanismo erettivo ha la sua origine nel cervello, nella nostra mente, quindi il fattore psicologico ha un ruolo FONDAMENTALE e troppo spesso sottovalutato o frainteso da molti uomini (ma anche da tante donne).

Quindi devi comprendere bene (e non fraintendere!) cosa significa avere un blocco mentale o un problema psicologico che ti impedisce di ottenere, o di mantenere, l’erezione durante il sesso.

I problemi di erezione di tipo mentale (psicologico) possono essere causati da:

  • eccesso di stress (ad esempio stress lavorativo o stress relazionale di coppia)
  • ansia a livello generico
  • ansia da prestazione sessuale
  • conflitti all’interno della coppia (più o meno esternati)
  • incomprensioni e/o mancanza di complicità sessuale all’interno della coppia
  • bassa autostima sessuale (una tra le cause più diffuse)
  • timore di deludere sessualmente la partner
  • timore del giudizio sociale (dipendenza dall’approvazione esterna dei conoscenti)
  • idee totalmente errate sulla sfera sessuale femminile
  • paure legate alle dimensioni del pene
  • repressioni di tipo morale o religioso (il sesso visto come peccato o come una cosa “sporca” e da non farsi)
  • depressione
  • conflitto di valori (per sempio durante un tradimento o una “scappatella” sessuale)
  • uso o abuso di alcool o droghe (anche i cannabinoidi della marijuana e hashish)
  • interazione con alcuni farmaci (anti-ansiolitici, anti-depressivi, psicofarmaci)
  • convinzioni limitanti (sconosciute ai più o troppo spesso sottovalutate)
  • auto-sabotaggi inconsci (programmazione inconscia al fallimento sessuale, altro fattore molto sottovalutato da tantissimi uomini)
  • auto-monitorizzazione del pene o dell’erezione durante il rapporto sessuale

Ecco quali sono le soluzioni da evitare per i problemi di erezione.

Uno dei rimedi più diffusi in assoluto per la disfunzione erettile è quella della famosa “pillola blu”. Sì, mi riferisco proprio al famoso Viagra. Oltre al Viagra esisto altri due noti farmaci per l’impotenza e quindi i farmaci disponibili per la disfunzione erettile sono tre:

  • Viagra, (principio attivo Sildenafil)
  • Cialis, (principio attivo Tadalafil)
  • Levitra, (principio attivo Vardenafil)

Riguardo questi 3 farmaci per l’erezione, e in particolar modo riguardo al famoso Viagra, vi è la più totale ignoranza tra le persone su come funzionino realmente! Infatti, ci sono alcune cose che devi assolutamente sapere prima di fare l’errore spaventoso che moltissimi uomini hanno già fatto:

  • Questi 3 farmaci per l’impotenza NON provocano un’erezione automatica, per il semplice fatto di aver mandato giù una di queste pillole per l’erezione.
  • Viagra, Cialis e Levitra sono semplicemente dei coadiuvanti (degli aiutanti) della fluidificazione del sangue nella zona genitale, ma ciò non vuol dire che spingano il sangue nei corpi cavernosi del pene per mandarlo in erezione, infatti anche assumendo uno di questi farmaci NON si ottiene nessuna erezione del pene se vi è presente un qualsiasi “blocco mentale” tra quelli visti prima.
  • La spesa economica di chi assume pillole per l’impotenza è molto elevata, perché tali farmaci vanno assunti SEMPRE prima di ogni rapporto sessuale e per tutta la durata della tua vita sessuale.
  • Viagra, Cialis e Levitra NON sono rimedi definitivi per la disfunzione erettiva perché, come detto poco fa, sono semplici coadiuvanti da assumere per tutta la durata della vita sessuale. Quindi NON si possono definire come soluzioni o rimedi per l’erezione, perché non risolvono il problema per sempre.
  • Affidandosi ai farmaci per l’erezione si innesca col tempo un meccanismo inconscio di dipendenza psicologica dai suddetti farmaci, perché senza la pillolina in mano prima del rapporto sessuale non ci si sente sicuri di sé o del fatto di ottenere un’erezione, e questo comporta un forte abbassamento della propria autostima sessuale che porta a un aggravarsi sia del problema erettivo che della propria condizione psicologica ed emotiva (ci si sente sempre più sessualmente insicuri e impotenti).
  • L’assunzione di questi farmaci NON è vista dal mondo femminile come un segno di virilità. Molte donne infatti si sentono a disagio e poco eccitanti (o poco desiderate), se il partner necessita di queste pillole per fare sesso.
  • Viagra, Cialis e Levitra, come qualsiasi altro farmaco, possono comportare anche spiacevoli effetti collaterali (l’ultima cosa che un uomo vorrebbe sperimentare durante un rapporto sessuale).

E riguardo i cosiddetti rimedi “naturali” per l’erezione e i suoi problemi?

In questo caso ci si riferisce a tutte quelle pillole (o pomate) dichiarate come naturali, in quanto non farmacologiche e spesso a base di estratti di erbe o radici di piante esotiche. La lista di queste pilloline “miracolose” per l’erezione è infinita e con i nomi più stravaganti, ma che invocano sempre alla virilità.

Spesso dichiarano di essere delle versioni “naturali” del Viagra e di avere le stesse proprietà se non anche migliori. Esistono da decenni e alcuni di questi rimedi naturali anche da secoli in alcune culture.

Tutti prometto la stessa cosa: “Manda giu una pillola, zero fatica, e hai subito un’erezione miracolosa e della durata di ore e ore!!

…Tuttavia, ci si potrebbe domandare tre cose riguardo questi presunti rimedi miracolosi e al 100% naturali:

  • Per quale motivo i NAS hanno sequestrato e bandito la vendita di molti di questi rimedi “naturali”? Forse perché hanno trovato dentro queste pillole sostanze dannose e non dichiarate in etichetta? A tal proposito ti rimando alla lettura di un articolo che ho pubblicato tempo, fa riguardo i problemi di erezione e i rimedi naturali.
  • Se chi propone queste pillole naturali dichiara che abbiano lo stesso effetto del Viagra nel coadiuvare la fluidificazione del sangue nella zona genitale, per quale motivo poi solo il Viagra è diventato così famoso e le pillole naturali no? Sarà forse perché, insieme a Cialis e Levitra, era l’unico che fluidificava il sangue veramente?
  • Per quale motivo chi propone queste pillole naturali non ti informa adeguatamente riguardo al meccanismo psico-fisico dell’erezione, sull’importanza fondamentale della mente per ottenere l’erezione e ti fa credere che basti mandar giù una di queste pilloline per ottenere un’erezione duratura? Sarà forse perché fanno leva sull’insicurezza e sull’ansia di molti uomini di risolvere il problema erettivo immediatamente e sopratutto senza sforzo? O sarà forse perché sanno bene che, in mezzo a tanti uomini, c’è sempre il pollo che crede ai miracoli e ci casca a sue spese ?

Ma se farmaci e pillole naturali non sono efficaci, allora cosa ti può aiutare veramente a migliorare l’erezione ?

Premesso e da non dare per scontato che una buona salute generale è indispensabile sia per l’ottenimento dell’erezione durante i rapporti che per la vita sessuale stessa, se a seguito di esami andrologici risultasse una qualche difficoltà circolatoria localizzata nella sola zona genitale (magari a causa della sedentarietà) esistono particolari esercizi che possono migliorare e potenziare in breve tempo la capacità di afflusso sanguigno nei corpi cavernosi del pene senza l’uso di farmaci o di strane e improponibili pillole.

Tuttavia, come abbiamo visto prima, parlando del meccanismo psico-fisico dell’erezione, avere una buona circolazione del sangue nella zona genitale NON garantisce l’ottenimento dell’erezione del pene, perché questo afflusso di sangue deve essere “spinto” dall’eccitazione mentale…e senza questa spinta o in presenza di un’eccitazione intermittente o non sufficientemente coinvolgente, non si può né ottenere e né mantenere l’erezione abbastanza a lungo.

Quindi bisogna lavorare sulla propria sfera mentale ed emotiva con un opportuno metodo in modo tale da:

  • Eliminare qualsiasi possibile blocco mentale che impedisca l’eccitazione sessuale pura e forte.
  • Aumentare e potenziare la capacità di eccitarsi mentalmente, sentendosi pienamente sicuri di sé e sereni durante il rapporto sessuale con la partner femminile.

Il supporto di uno psicologo può essere una valida soluzione in alcuni casi estremi, ma anche un metodo specifico e collaudato che agisca contemporaneamente sia sulla componente mentale che su quella organica può essere non solo risolutivo ma anche moto rapido.

In questo modo si può eliminare il problema di erezione del penr in modo definitivo (per sempre), senza l’ausilio di farmaci e migliorando al tempo stesso la capacità erettiva senza dipendere da rimedi (prsunti) naturali. Se vuoi approfondire questo discorso, allora ti invito a cliccare sul banner qui in basso.

banner erezione