Falsi miti e verità sulla diagnosi e sulla cura della disfunzione erettile

disfunzione erettile
Col termine disfunzione erettile si intende l’incapacità di ottenere o di mantenere l’erezione del pene, tale da condurre un rapporto sessuale in maniera soddisfacente. Nel passato la disfunzione erettile veniva chiamata volgarmente impotenza sessuale maschile, ma a prescindere dal nome entrambi i termini fanno riferimento ai problemi di erezione e alle varie tipologie di difficoltà erettive.

Gli andrologi chiamano disfunzione erettile anche i vari problemi legati all’eiaculazione come l’eiaculazione precoce, ovvero quando durante un rapporto sessuale con la partner l’uomo arriva all’orgasmo (eiacula sperma) dopo pochissimi minuti o anche immediatamente. Ma poiché di norma chi ha il problema dell’eiaculazione precoce non ha problemi di erezione, perché per poter eiaculare il pene deve essere già in erezione, trovo che classificare anche l’eiaculazione precoce come disfunzione erettile non sia appropriato, mentre è appropriato per circoscrivere i problemi di erezione come la mancanza o la perdita di erezione durante la penetrazione e il sesso con la partner.

Se nel passato parlare di impotenza o disfunzione erettile era un tabù assoluto, oggigiorno invece se ne sente parlare sempre più spesso sia su internet che alla televisione, ma tutta questa mole di informazione anziché informare pare abbia solo creato più confusione e falsi miti (e false soluzioni) in chi si trova a fronteggiare questo comunissimo problema sessuale.

Infatti quello della disfunzione erettile è un problema comune e molto diffuso, e uno dei tanti falsi miti sulla disfunzione erettile è quello che solo le persone anziane possano avere problemi di erezione. Questo è del tutto falso e sono proprio le statistiche a dimostrarlo! Infatti si stima che il 50% dei problemi di disfunzione erettile avvenga in uomini sotto i 60 anni di età.

banner erezione

E’ possibile infatti avere a che fare con l’impotenza anche a soli 20 anni, e se tu fossi molto giovane e qualche volta facendo l’amore con la tua ragazza ti fosse capitato che il pene non diventi duro, o di perdere all’improvviso l’erezione sul momento più bello, sappi che non sei un caso né unico né raro, perché si tratta di un problema comunissimo anche tra i più giovani e che ha delle cause ben precise ma non sempre così gravi come potresti pensare. Quindi continua a leggere qui sotto, perché tra poco scoprirai alcune cose sulla disfunzione erettile che non tutti ti vogliono fare sapere.

Ecco una delle situazioni classiche per le quali mi scrivono uomini di ogni età: “Ero a letto con lei, mi piaceva tantissimo ed era molto bella, ma quando è stato il momento di farlo il pene non mi è andato in erezione e ci sono rimasto malissimo. Però quando mi sveglio al mattino di solito ce l’ho duro, e anche quando mi guardo un porno mi viene subito duro, solo che quando stavo con lei non ne voleva sapere di andare su…ma com’è possibile?”

La maggior parte degli uomini, specie se giovani, pensano subito di avere qualche grave problema fisico in mezzo alle gambe al primo episodio di disfunzione erettile durante il sesso, ma se si pensa in questo modo è solo perché non si è adeguatamente informati su come avvenga realmente l’erezione del pene. Quindi prima di autodiagnosticarsi qualche terribile malattia, o di cercare soluzioni “miracolose”, è indispensabile comprendere:

  1. il meccanismo dell’erezione
  2. le possibile cause della disfunzione erettile
  3. e solo infine le possibili soluzioni realmente funzionanti

Il meccanismo dell’erezione del pene. Si dice in giro che l’erezione del pene avvenga come conseguenza di stimoli di tipo erotico sessuale, o che a noi uomini basti trovarci di fronte ad una donna nuda per avere sicuramente un’erezione come se fossimo dei robot, ma la realtà non è questa! L’erezione è infatti un fenomeno di tipo psico-fisico, nel senso che coinvolge sia una componente mentale (psicologica) che una componente fisica (organica).

Per ottenere una valida erezione, anziché una disfunzione erettile sul momento più bello, non è sufficiente trovarci davanti alla nostra bella compagna di avventure sessuali nuda, né tanto meno è sufficiente essere toccati nelle zone intime per poter ottenere un’erezione. E questo è un altro mito da sfatare.
L’erezione del pene avviene per via di uno stato psicologico chiamato eccitazione sessuale, e questa eccitazione sessuale (da non confondersi col desiderio di fare sesso, che è il solo e semplice desiderio di farlo) non è da dare per scontata, e più avanti capirai il perché ma ora continua a seguirmi.

Quando un uomo si trova in uno stato di eccitazione sessuale, o sarebbe meglio dire, quando un uomo è mentalmente eccitato, il cervello invia segnali neuronali e specifici ormoni nella zona genitale, in modo da provocare un afflusso di sangue nei corpi cavernosi del pene. Quest’ultimo è formato essenzialmente da due corpi cavernosi simili a spugne e, quando il sangue affluisce con forza al suo interno, “spinto” dall’eccitazione mentale, il pene si gonfia di sangue come un palloncino diventando duro e in erezione.

Questo è quello che accade in condizioni ideali, ma la vita non è sempre perfetta e ogni tanto possono esserci dei problemi che provocano la disfunzione erettile, ora vedremo quali sono. Come ti spiegavo prima, non sempre i problemi di erezione implicano che tu abbia un problema grave. Spesso, infatti, la causa dell’impotenza maschile non è per nulla grave, ma comunque sufficiente a provocare un’erezione mancata o la perdita di erezione durante il sesso.

Molti siti web fanno credere che il problema erettivo sia quasi sempre il riflesso di qualche grave problema fisico-organico, come se le emozioni e il ruolo della mente non influiscano affatto sull’erezione, ma se ti forniscono questa informazione errata è solo per poterti rifilare qualche pillolina “magica” con la promessa che ti basterà mandar giù una pillola e il problema di erezione è risolto…ma anche in questo caso la realtà dei fatti è ben diversa!

Innanzitutto devi sapere che le possibili cause della disfunzione erettile possono essere di due generi:

  • cause di tipo organico
  • cause di tipo psicologico-mentale

Le possibili cause di tipo organico possono essere stabile SOLO tramite apposite visite specialistiche e NON facendosi improbabili autodiagnosi, pertanto dovrai prima recarti dal tuo medico di base informandolo del problema e di quando esso si prsenta. Infatti è importantissimo riferire al proprio dottore se la disfunzione erettile si presenta sotto forma di impotenza sessuale totale (nel senso che non si ottengono mai erezioni da lungo tempo in qualsiasi condizione), oppure se la disfunzione erettiva è solo occasionale (nel senso che si presenta durante il sesso con la partner femminile, ma non in altre occasioni come l’erezione mattutina o visionando materiale pornografico).

Il tuo medico stabilirà poi quali esami fare come gli esami del sangue, dei livelli di testosterone, e quali altre visite specialistiche fare presso un urologo o andrologo per ulteriori accertamenti tramite esami come il Color-doppler e altri.

Le possibili cause di tipo organico possono essere localizzate nella zona genitale, ma più spesso possono essere localizzate in altre zone del corpo insieme ad altri problemi fisici di salute che possono influire negativamente sulla capacità erettile del pene. In sostanza: se il problema è di tipo organico non è sempre detto che la causa si trovi in mezzo alle gambe, in quanto potrebbe essere altrove.

L’elenco delle possibili cause organiche della disfunzione erettile è molto lungo, ed è per questo motivo che deve essere diagnosticato da un urologo e/o da un andrologo tramite gli opportuni esami clinici e non tramite autodiagnosi. Ciò detto, queste cause possono essere:

  • problemi di circolazione sanguigna localizzata nella zona genitale o nel pene
  • problemi alla prostata (prostatiti, infiammazioni, cancro)
  • problemi ai testicoli
  • vericocele
  • problemi cardiaci
  • problemi di circolazione sanguigna generale
  • eccesso di grassi e colesterolo
  • eccesso di zuccheri e carboidrati
  • forte obesità
  • lesioni gravi nell’area pelvica, all’apparato genitale, o alla spina dorsale
  • pressione del sangue alta o bassa
  • nicotina, fumo, tabacco e problemi respiratori
  • eccessiva sedentarietà
  • alcune forme di diabete
  • problemi di insulina
  • bassa produzione di testosterone
  • alcune malattie come il mordo di Parkinson, la malattia di Peyronie, sclerosi multipla
  • uso o abuso di alcool o droghe (anche il THC contenuto nei cannabinoidi della marijuana e dell’hashish)
  • interazione con alcuni farmaci (per esempio: antistaminici, antidolorifici, farmaci per l’ipertensione)

Come puoi intuire dall’elenco qui sopra, anche lievi scompensi cardiaci potrebbero provocare problemi di erezione, così come il fumo e le sigarette. Ma quando il medico ti diagnostica una causa del genere, è bene preoccuparsi più del problema di salute che non del problema di erezione. Infatti pensare di risolvere solamente il problema erettivo, senza preoccuparsi del problema fisico che lo genera, è un’azione inutile e da persone incoscienti (per non dire folli).

Molto spesso gli esami medici per la disfunzione erettile non evidenziano nessun problema fisico-organico nel paziente, ma solo un problema “mentale” che provoca la mancanza di erezione durante i rapporti ed è a questo punto che la maggioranza degli uomini si spaventano per nulla. Infatti quando il dottore dice “lei non ha nessun problema fisico e si tratta solo di un problema mentale”, la quasi totalità degli uomini pensano subito di avere qualche grave disturbo mentale, ma anche in questo caso la realtà dei fatti è molto diversa e ora ti spiego il perché.

Come ho già detto prima, il meccanismo dell’erezione è di tipo psico-fisico poiché essa viene “avviata” prima di tutto dal cervello, ovvero da stati psico-emotivi. E infatti, molto spesso, la causa del problema sta proprio qui: nella mente. Ma questo non significa che tu sia pazzo, squilibrato o gravemente malato, né tantomeno che tu sia un caso raro poiché giovane e in piena forma fisica.

Col termine “problema mentale” si intendono un sacco di cose e infatti è un termine fin troppo generico. La maggior parte delle volte, sopratutto oggigiorno che siamo tempestati da informazioni errate sul sesso e lo viviamo più come una competizione o dimostrazione di virilità, anziché come un momento di piacere, è facile sentirsi sessualmente insicuri o avere una qualche forma di ansia come l’ansia da prestazione sessuale.

Ciò premesso, anche nel caso delle cause di tipo psicologico-mentale l’elenco può essere lungo e vario e può includere:

  • eccesso di stress (stress da lavoro, stress coniugale, eccetera)
  • ansia generica
  • ansia da prestazione sessuale
  • conflitti e/o incomprensioni all’interno della coppia (più o meno esternati)
  • bassa autostima sessuale
  • timore di deludere sessualmente
  • timore del giudizio sociale (dipendenza dall’approvazione altrui)
  • concezioni totalmente errate sulla sfera sessuale femminile
  • paure legate alle dimensioni del pene
  • repressioni di tipo morale o religioso (il sesso visto come peccato)
  • depressione
  • conflitto di valori (ad esempio: durante un tradimento o una “scappatella”)
  • uso o abuso di alcool e/o droghe
  • interazione con alcuni farmaci (ad esempio: ansiolitici, anti-depressivi, psicofarmaci)
  • convinzioni limitanti (sconosciute ai più o troppo spesso sottovalutate)
  • auto-sabotaggi inconsci (programmazione inconscia al fallimento sessuale)
  • auto-monitorizzazione del pene durante il rapporto sessuale

Come puoi vedere dall’elenco di cause psicologiche qui sopra, è sufficiente avere un poco di ansia da prestazione sessuale, o di paura di deluderla a letto, per provocare un problema di erezione durante il rapporto sessuale. Ma avere paura di deluderla a letto non significa essere matti o mentalmente deviati! Avere l’ansia da prestazione sessuale è normale e comprensibile, quindi anche se viene chiamato “problema mentale” oppure “blocco mentale” non è nulla di grave, né di raro e neanche qualcosa di cui doversi vergognare e nascondere.

Però sono pur sempre cause mentali capaci di creare il problema della disfunzione erettile, proprio mentre sei a letto con lei. In questi casi ricorrere ai farmaci per la disfunzione erettile è del tutto inutile e il più delle volte può solo peggiorare la condizione mentale e incrementare altre cause psicologiche, come la bassa autostima sessuale, ingigantendo col tempo il problema sessuale ed erettivo.

I 3 farmaci più famosi per la disfunzione erettile maschile sono:

  • Viagra (principio attivo Sildenafil)
  • Cialis (principio attivo Tadalafil)
  • Levitra (principio attivo Vardenafil)

Tuttavia è importante precisare che questi 3 farmaci non sono cure o rimedi definitivi per l’impotenza sessuale maschile, poiché sono dei semplici coadiuvanti dell’afflusso sanguigno nella zona genitale da assumersi prima del presunto rapporto sessuale, e quindi per tutta la durata della vita sessuale ovvero per sempre! Questo significa diventarne psicologicamente dipendenti, creando un’ulteriore sfiducia in se stessi e un ulteriore abbassamento dell’autostima sessuale.

Un altro mito da sfatare riguardo Viagra, Cialis e Levitra è essi provocherebbero un’erezione automatica per il semplice fatto di aver mandato giù la pillola. Nulla di più faso! Infatti, come avevo già precedentemente accennato, per ottenere l’erezione del pene è comunque necessario essere in uno stato mentale ottimale durante il rapporto sessuale e questo non è sempre da dare per scontato, anzi.

…Infatti, non a caso, questo piccolo ma fondamentale particolare è riportato anche sul foglio delle indicazioni del farmaco, ma purtroppo quasi nessuno lo legge e poi ci si sorprende se, dopo aver mandato giù una di queste pillole farmacologiche, il pene non ne vuole sapere lo stesso di funzionare.

Inoltre è opportuno sapere che Viagra, Cialis e Levitra sono farmaci con effetti collaterali importanti e quindi vanno assunti SOLO dietro prescrizione del medico, acquistati in farmacia (e non comprandoli su internet da siti illegali) e SOLO quando vi è un problema di origine organica non risolvibile in altro modo. Mai darsi al “fai da te” con i farmaci!

Riguardo invece ai cosiddetti rimedi naturali (in pillola, spray, pomata o olio da spalmare sul pene), spesso ricavati da erbe o radici di piante esotiche e dichiarati come alternativa naturale al Viagra, ti rimando alla lettura di questo articolo dove svelo i pericoli e i falsi miti di queste soluzioni naturali e ipoteticamente prive di effetti collaterali.

Ma allora quali possono essere le soluzioni concrete, sensate e più ragionevoli per la disfunzione erettile? La visita dal proprio medico di base è sempre raccomandabile a prescindere, sia per verificare la propria condizione di salute generale, la quale è indispensabile per avere sia una buona erezione che per una corretta vita sessuale, che per verificare che non vi siano problemi di salute “nascosti” come, ad esempio, le difficoltà cardio-respiratorie a causa delle sigarette o di uno stile alimentare e di vita non esattamente salutare.

Una volta appurato che fisicamente sia tutto a posto, allora si può ricorrere all’ausilio di particolari esercizi per migliorare in modo naturale e senza farmaci la capacità di afflusso del sangue nella zona genitale. Ma questo, anche se è già un’ottima cosa, il più delle volte potrebbe non bastare perchè, come ho già scritto prima, per ottenere e mantenere una buona erezione durante il rapporto sessuale è necessario essere sempre nella giusta condizione psichica.

Per ottenere questa giusta condizione mentale e per sentirsi sempre fiduciosi, sereni e sicuri di sé davanti alla nostra amata, si può ricorrere a specifiche tecniche mentali collaudate per elevare l’autostima sessuale e per aumentare l’eccitabilità mentale durante il rapporto. Infatti, è solo agendo contemporaneamente su mente e corpo con un metodo opportuno che si possono ottimizzare tutti i fattori scatenanti l’erezione del pene, senza rischiare episodi di disfunzione erettile in modo da poter vivere una sessualità serena e appagante.

banner erezione